Categorie
La settimana che ci aspetta

Jerome Powell parla e l’occupazione del Regno Unito

La settimana che ci aspetta. Settimana economica del 15 giugno, 2020.

il Doroteo Federal Reserve degli Stati Uniti

Gli investitori continueranno a monitorare la diffusione e l’impatto della pandemia sull’economia globale, tra le crescenti preoccupazioni che una seconda ondata di infezioni negli Stati Uniti potrebbe portare a ulteriori misure di blocco. Altrove, la testimonianza di Jerome Powell, capo della Fed americana, al Congresso e una riunione del Consiglio europeo saranno attentamente seguite. I dati che seguono comprendono il commercio al dettaglio e la produzione industriale negli Stati Uniti e in Cina; il rapporto sull’occupazione nel Regno Unito, i dati sulle vendite al dettaglio e sull’inflazione; il morale degli investitori in Germania; il commercio e inflazione in Giappone; le cifre sull’occupazione in Australia. Sotto osservazione le azioni della politica monetaria che verranno prese dalle banche centrali nel Regno Unito, in Giappone, Brasile, Russia, Svizzera, Indonesia e Taiwan, mentre i verbali delle riunioni precedenti saranno pubblicati in Giappone e Australia.


Stati Uniti e Americhe

Negli Stati Uniti, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell testimonierà il rapporto semestrale sulla politica monetaria al Congresso, il primo da quando è iniziata la pandemia. Nel frattempo, i numeri delle vendite al dettaglio e della produzione industriale per maggio dovrebbero indicare una ripresa degli scambi e delle attività rispetto al record del mese precedente, mentre il paese ha gradualmente riaperto la sua economia. Inoltre, i dati immobiliari dovrebbero indicare un rimbalzo degli alloggi e dei permessi di costruzione dai minimi di cinque anni di aprile. Altre pubblicazioni importanti rilasciate sono gli inventari aziendali, NY Empire State Manufacturing Index, Philadelphia Fed Manufacturing Index, NAHB Housing Market Indexconto corrente del primo trimestre, flussi di capitale complessivi, rendiconto finanziario mensile del governo e rapporto settimanale di disoccupazione.

Altrove in America, le banche centrali del Brasile e del Cile decideranno sulla politica monetaria, con i politici brasiliani che hanno visto tagliare i tassi a nuovi minimi storici con l’obiettivo di sostenere un indebolimento reale nel mezzo della crisi del coronavirus. Altre relazioni chiave da seguire includono il commercio al dettaglio in Canada, i dati sull’inflazione, le vendite manifatturiere e all’ingrosso e il nuovo indice dei prezzi delle abitazioni; in Messico le spese private del primo trimestre; vendite al dettaglio in Brasile; e PIL mensile Perù.


Europa

Dall’altra parte dell’Atlantico, la Banca d’Inghilterra terrà giovedì la sua riunione di politica monetaria, con i mercati che non prevedono cambiamenti nei costi di prestito e un aumento di circa £ 100 miliardi nel suo programma di acquisto di obbligazioni. Gli operatori attenderanno anche se la banca centrale aprirà le porte a tassi di interesse negativi. Sul fronte dei dati economici, il rapporto sull’occupazione nel Regno Unito dovrebbe mostrare il più alto tasso di disoccupazione negli ultimi tre anni e la crescita dei salari più debole in quasi sei anni. Anche i dati relativi al commercio al dettaglio, ai dati sull’inflazione e all’indebitamento netto del settore pubblico saranno al centro dell’attenzione.

Altrove in Europa, tutti gli occhi saranno puntati sulla riunione del Consiglio Europeo del 18 e 19 in cui si prevede che i leader dell’UE discuteranno il piano di fondi di recupero da 750 miliardi di euro per sostenere i paesi e i settori più colpiti dalla pandemia. Sul fronte dei dati economici, gli investitori rivolgeranno la loro attenzione al commercio estero dell’Eurozona, alla produzione delle costruzioni, alla crescita dei salari e al conto corrente. Morale degli investitori tedeschi, prezzi alla produzione e all’ingrosso; Bilancia commerciale italiana e ordini di fabbrica; Commercio estero e prezzi alla produzione e all’importazione della Svizzera. Inoltre, i responsabili politici in Svizzera, Norvegia, Polonia probabilmente terranno i tassi di interesse ai livelli attuali, mentre si prevede che la banca centrale russa li tagli di almeno 50 pb.


Asia-Pacifico

La Cina pubblicherà produzione industriale, vendite al dettaglio, investimenti in fixed assets, tasso di disoccupazione e indice dei prezzi degli immobili. La crescita della produzione dovrebbe accelerare a maggio, mentre sia il commercio che gli investimenti si vedono contrarsi a tassi più lenti. La Banca Centrale del Giappone deciderà sulla politica monetaria, ma non sono previsti cambiamenti, mentre anche i minuti di una riunione programmatica, non programmata a maggio, saranno molto attesi. Il paese pubblicherà la bilancia commerciale e il tasso di inflazione dei consumatori.

La Banca Centrale Australiana rilascerà anche i verbali della sua ultima riunione di politica monetaria. Sul fronte dei dati economici, importanti rilasci includono cifre sull’occupazione, indice leader di Westpac e indice dei prezzi degli immobili. Dall’altra parte del Mar di Tasman, i dati sul PIL del primo trimestre neozelandese saranno al centro dell’attenzione, mentre gli investitori in India si concentreranno sulla bilancia commerciale e sui prezzi all’ingrosso, con i mercati che indicano il primo mese di deflazione da giugno 2016.

Altri punti salienti per la regione Asia-Pacifico includono: le esportazioni non petrolifere di Singapore; Tassi di disoccupazione in Malesia e Hong Kong; e bilancia commerciale dell’Indonesia, vendite al dettaglio e fiducia delle imprese. Le banche centrali di Taiwan e dell’Indonesia decideranno sulla politica monetaria.


La settimana che ci aspetta, in partnership con Global Dynamics, dati tradingeconomics.com

Immagine: Marriner S. Eccles Federal Reserve Board Building via Wikipedia.org