Categorie
La settimana che ci aspetta

Disoccupazione negli Stati Uniti e inflazione nell’Eurozona

La settimana che ci aspetta. Settimana economica del 19 giugno, 2020.

il Doroteo Disoccupazione negli Stati Uniti e inflazione nell'Eurozona

Questa settimana i mercati continueranno a monitorare l’impatto della pandemia sull’economia tra i segni di seconde ondate di infezioni. Altrove, la testimonianza di Jerome Powell della Fed americana alla Camera dei Rappresentanti e il verbale della riunione del FOMC saranno attentamente seguiti. I dati che seguono includono il report di disoccupazione negli Stati Uniti, ordini di fabbrica e commercio estero. I dati relativi al PIL finale del Regno Unito e la fiducia dei consumatori. Inflazione nell’Eurozona e indagine sulle imprese. Commercio al dettaglio in Germania. Aggiornamenti di produzione cinesi e sondaggio trimestrale giapponese sul commercio al dettaglio e produzione industriale. Infine, la bilancia commerciale dell’Australia, vendite al dettaglio, e sondaggi di produzione nel settore manifatturiero e dei servizi in tutto il mondo per giugno.


Europa

Il Regno Unito pubblicherà la stima finale del PIL del primo trimestre, insieme all’indice di fiducia dei consumatori, agli indicatori monetari, alle partite correnti e ai prezzi delle abitazioni a livello nazionale. Le cifre in flash mostrano che l’economia britannica è stata maggiormente contratta dal quarto trimestre del 2008, con i consumi delle famiglie che sono calati al tasso più rapido in 11 anni a causa degli effetti delle misure di allontanamento sociale.

Altrove in Europa, i dati sui prezzi al consumo dell’Eurozona relativi a giugno mostreranno probabilmente che l’inflazione è rimasta a un minimo di quattro anni poiché i consumi rimangono sotto pressione a causa della pandemia. Allo stesso tempo, l’Eurozona, la Germania e la Francia pubblicheranno le loro stime finali sugli indici di produzione PMI di Markit, mentre molti altri paesi come la Spagna e l’Italia pubblicheranno letture flash. Gli operatori del mercato terranno d’occhio anche l’indagine sulle imprese dell’area dell’euro, il tasso di disoccupazione e i prezzi alla produzione. In Germania le vendite al dettaglio e il tasso di disoccupazione, che anche in Spagna si aggiunge al sondaggio sul clima imprenditoriale. Il barometro economico della Svizzera KOF, il commercio al dettaglio e i prezzi al consumo. Infine, i dati sul commercio estero e sull’inflazione in Turchia, mentre la banca centrale svedese deciderà sui tassi di interesse, anche se non sono previsti cambiamenti.


Stati Uniti e Americhe

Negli Stati Uniti, la testimonianza del presidente della Federal Reserve Jerome Powell dinanzi alla commissione per i servizi finanziari e il verbale del FOMC saranno attentamente seguiti nella prossima settimana, nella speranza che possano chiarire le opinioni dei politici sul percorso di politica monetaria. All’inizio di questo mese, la Federal Reserve ha suggerito che i tassi di interesse rimarranno ai livelli attuali fino al 2022 quando l’economia si riprenderà dalla sua crisi economica più profonda dovuta alla crisi del coronavirus.

Sul fronte dei dati economici, il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti per giugno dovrebbe mostrare un aumento del personale di 3,0 milioni, dopo un aumento di 2,5 milioni a maggio e un crollo record di 20,5 milioni ad aprile; mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 12,3 per cento, allontanandosi ulteriormente da un massimo storico del 14,7 per cento colpito in aprile.

I mercati azionari statunitensi saranno chiusi venerdì per il Giorno dell’Indipendenza.

Altrove nelle Americhe, i dati chiave da seguire includono il PIL mensile del Canada, la bilancia commerciale e l’indice manifatturiero. Tasso di disoccupazione in Brasile, produzione industriale, commercio estero e PMI Markit; e il morale degli affari e dei consumatori in Messico.


Asia e Pacifico

In Cina, gli investitori rivolgeranno la loro attenzione agli aggiornamenti PMI delle attività manifatturiere e industriali di giugno con previsioni che indicano un rallentamento dell’attività delle fabbriche mentre il paese cerca di riprendersi dalla crisi del coronavirus. Nel frattempo, il sondaggio trimestrale di Tankan della Bank of Japan mostrerà probabilmente un forte deterioramento del sentimento degli affari sia da parte dei produttori che dei non produttori. Altri dati chiave per il paese includono la fiducia dei consumatori, le vendite al dettaglio, il tasso di disoccupazione, la produzione industriale e il mercato immobiliare. In Corea del Sud, gli investitori valuteranno l’indice di fiducia nelle imprese, produzione industriale, vendite al dettaglio, bilancia commerciale, tasso di inflazione e PMI manifatturiera Markit.

Il gruppo Ai Group australiano pubblicherà i suoi indici di produzione e costruzione. Saranno inoltre messi in luce numeri aggiornati per bilancia commerciale, vendite al dettaglio, crediti del settore privato e permessi di costruzione.

Altri punti salienti per la regione Asia-Pacifico includono i PMI dell’India Markit, i tassi di inflazione in Indonesia e Thailandia e gli indicatori di fiducia delle imprese, la fiducia dei consumatori di Taiwan, i dati commerciali di Hong Kong e Malesia e la fiducia delle imprese della Nuova Zelanda e i permessi di costruzione.


La settimana che ci aspetta, in partnership con Global Dynamics, dati tradingeconomics.com

Immagine: Financial trader looking at terminal charts, via pxfuel.com